Parma Calcio 2020: si riparte dal calciomercato

Parma Calcio 2020 la squadra festeggia la vittoria 2-0 contro l'udinese

Un focus sulla prima parte di stagione dei crociati, che han saputo far fronte ad alcune inevitabili difficoltà con ottimi risultati. Il 2020 ha anche visto la società muoversi tempestivamente sul fronte acquisti nella finestra di calciomercato di gennaio, in modo da fornire i rinforzi necessari a mister D’Aversa.

Parma Calcio 2020: tempi di grandi attese e riconferme

La scorsa stagione il Parma Calcio tornava in Serie A dopo 3 anni, risorgendo dalle proprie ceneri come una fenice. La squadra si era resa protagonista di una partenza fulminante, cui aveva fatto seguito un rilassamento nella seconda parte di stagione. Nonostante questo, 41 punti in classifica e salvezza centrata.

Nella sessione estiva di mercato la presidenza si era distinta per acquisti interessanti: viene confermato il bomber Roberto Inglese, arrivano poi tra gli altri l’esperto esterno Darmian dal Manchester United, Yann Karamoh, talentuosa ala dell’Inter, e due prestiti dall’Atalanta, la punta Andreas Cornelius e l’ala destra Dejan Kulusevski. Tra gli importanti protagonisti della stagione 2018/19 figurano ancora giocatori come Luigi Sepe tra i pali, B. Alves, difensore capitano e leader, Gagliolo, Kucka e Barillà, e l’imprendibile Gervinho.

Il girone di andata: un cammino insidioso

La stagione si è rivelata tutt’altro che priva di insidie, con la squadra che, vittima della cattiva sorte, è stata colpita da diversi infortuni. Il più sfortunato è stato sicuramente il bomber di riferimento del tridente di D’Aversa, Roberto Inglese, che ha potuto fare ben poco per mettersi a servizio della squadra, fermato spesso da acciacchi e noie fisiche più o meno gravi, culminate ora in un serio stop che lo vedrà tornare sul campo tra 2/3 mesi.

Il tridente Karamoh – Inglese – Gervinho non è così riuscito a esprimere al meglio le proprie qualità, dato che anche le ali sono state spesso fermate dagli infortuni. Questo non ha però impedito ai crociati di chiudere l’anno a ridosso dell’Europa League, totalizzando 7 punti su 12 nel mese di dicembre (andando a vincere a Genova con la Samp e a Napoli), per poi continuare con un buon ruolino di marcia a gennaio (salvo l’incidente di percorso contro una straripante Atalanta).

È tra le difficoltà che si vede il valore e la forza di un gruppo, ed è in mezzo a questi ostacoli che è emerso un talento debordante come quello di Dejan Kulusevski. Lo svedese di origini macedoni ha totalizzato 21 presenze, condite da 5 gol, 7 assist e tante giocate di qualità, che gli hanno valso l’attenzione dei club maggiori. Ed è così che a gennaio è arrivata la chiamata della Juventus, a cui il centrocampista classe 2000 non ha potuto dire di no, dimostrandosi però un giovane serio e dotato di valori oltre che di gran classe, annunciando la permanenza nella società emiliana fino a giugno.

I primi colpi del Parma Calcio 2020

Nella sessione del mercato invernale la dirigenza si è mossa per rimediare ai buchi che gli infortuni hanno procurato alla rosa, con l’arrivo in prestito (con obbligo di riscatto) di un centrocampista di quantità e qualità come Jasmin Kurtic, proveniente dalla Spal e quindi già ben inserito nel nostro campionato, e già decisivo con un assist in zona Cesarini nel pareggio per 2-2 di Cagliari.

A seguito dell’infortunio occorso a Luigi Sepe è poi arrivato dal Genoa il giovane portiere Radu, di proprietà dell’Inter, mentre dall’altra squadra di Genova è giunto il difensore Vasco Regini, entrambi con la formula del prestito semplice.

Sempre dalla Samp proviene però il colpo più importante dei ducali di questo mercato di riparazione: con la cessione di Gervinho che sembrava cosa fatta, era necessario prendere un giocatore di qualità che potesse sopperire al vuoto lasciato dal giocatore ivoriano. Ed è per questo che è arrivato Gianluca Caprari. Classe ’93, scuola Roma, ha fatto bene prima in B e poi in A con la maglia del Pescara, trovando poi meno spazio alla Samp ma mettendosi comunque in luce con gol e giocate. Giocatore veloce, tecnico e duttile, con lui l’attacco crociato acquista imprevedibilità e qualità, a prescindere da come si evolverà la situazione legata a Gervinho.

Il girone di ritorno: serve un Parma Calcio con i piedi per terra

Con l’inizio del girone di ritorno la squadra sponsorizzata da Cetilar® si trova le carte un po’ mescolate dal mercato e dagli infortuni, ma può sempre contare sulla salda guida di mister D’Aversa e su dei tifosi appassionati che ogni domenica riempiono il Tardini per supportare i giocatori crociati.
La salvezza matematica dista solo 8 punti, e grazie alla settima posizione il Parma si trova ora davanti a squadre ben più blasonate e attrezzate, Napoli e Milan su tutte.

Sognare non è proibito, basta rimanere coi piedi per terra e pensare partita per partita. Questa squadra ha già dimostrato di cosa è capace, tornando nel calcio che conta in tempi record. Servirà abnegazione, grinta, resilienza, testa e gambe, tutto questo in misura uguale o superiore a quanto espresso nella prima parte di stagione. E se questi presupposti ci saranno, ogni risultato finale sarà ben accolto.